Bernardini

[15] Traduzione di Ignazio Bernardini (1803-1876)

[15] […]  Ma ai nostri ed a me pure conviene perdonare se pei molti e, talvolta, quasi generali incendi della città, consumate molte memorie de’ maggiori , non poterono venire in mano agli storici, e molto meno a… Continua a leggere…

[12] Traduzione di Ignazio Bernardini (1803-1876)

[12]  Prima che si estendesse la città e si fortificasse di mura grandi e di rocche, ebbe un’ampia piazza che ora chiamano il campo della Cattedrale; nel quale dall’unanime consenso dei Cronisti apparisce ch’era il Palazzo del Pretore… Continua a leggere…

[10] Traduzione di Ignazio Bernardini (1803-1876)

[10] […] Se i nostri paesani vogliono che quel nome sia nato dai Goti che ivi in parte abitarono alloraquando i loro Re tenevano sede a Ravenna, e da quel tempo, cioè dal quinto e sesto secolo,fino ai… Continua a leggere…

[8] Traduzione di Ignazio Bernardini (1803-1876)

[8] Terminandosi, dunque, la sua lunghezza, come dissi, dai due fiumicelli, e non essendo perciò maggiore di quel tronco della via Emilia che si trova tra i due ponti, l’uno de’ quali prese il nome dai Moratini, l’altro… Continua a leggere…

[6] Traduzione di Ignazio Bernardini (1803-1876)

[6] Sebbene leggiamo che, anticamente, prima che si estendesse il pomerio della nostra città, erano la fossa e le mura là dove ora è il tempio di San Biagio, e, dalla parte opposta, dove adesso vediamo la chiesa… Continua a leggere…

[5] Traduzione di Ignazio Bernardini (1803-1876)

[5] Sebbene dagli antichi cronisti della nostra città apparisca che i nostri maggiori non hanno dubitato che di molto si sia accresciuto Forlì per quella gente che una volta abitava un luogo a un miglio più verso a… Continua a leggere…