Lettere

 

Gianbattista Morgagni, a 25 anni, scrive una lettera al suo assistente, il Signor Manfredi, dove riassume quelle che saranno le sue ricerche future, gli scopi e i metodi e chiede aiuto e consiglio ai suoi colleghi per collaborazione, osservazioni e materiale di ricerca.
In particolare, Morgagni illustra uno studio effettuato su una donna nella quale si riscontrava della “marcia” ovvero materiale purulento.                                                                                           Morgagni afferma di aver scoperto le cause della malattie andandola a ricercare nell’autopsia effettuata sulla donna stessa.                                                                                                               Egli invita i suoi colleghi, sia medici che chimici, a effettuare gli stessi studi con la stessa metodologia, e a comunicargli i risultati, perchè manifesta l’intenzione di scrivere un libro sui suoi studi anatomici (il futuro DE SEDIBUS).