Borgo Cotogni

Gian Battista Morgagni trattò largamente di Borgo Cotogni, non solo nell’epistola IX; dedicò infatti a questo argomento anche una lezione tenutasi il 30 agosto 1742 a Forlì presso l’Accademia degli Icneutici. È interessante riportare le sue esatte parole di allora, che ampliano la questione e la chiariscono:

“Ma per dire infine una parola anche del Borgo de’Gottogni, tanto è lontano che mi paia sicura l’origine, la quale leggo addotta d’ un tal nome, che alle volte mi venne in mente di ricercarla con maggior semplicità, e per questo forse con maggior verità, da un certo fondo, il quale, per esservi, credo, moltissime piante di cotogni, Cotonietum e Codignatum era chiamato nel secolo X e XII, come si vede da tre documenti riportati nel supplemento Marchesi, non altrimenti che la contrada di Feliceto a me pare che dall’abbondanza delle felci nel luogo dove fu estesa, così nominata fosse da prima. Era il fondo Cotogneto non lontano da un altro che si chiamava Plegadicio, nel quale fondo fu poi in Forlì la Chiesa e Ospitale di San Maria di Strada in fundo Plegadicio. Ora tutti sappiamo che la chiesa ora detta di Santa Lucia, si nominava da prima San Giacomo in Strada. A questo, per contrario, aggiungete che quella chiesa, non di San Giacomo in Strada, ma di San Giacomo nel Borgo dei Cotogni si sarebbe chiamata, se questo nome avesse da’Goti avuta sua origine verso il mezzo, come altri dice, del VI secolo; nel quale tempo non abbiamo riscontro che fosse edificata la detta chiesa. Lo abbiamo bensì, che esso detto Borgo e il suo nome, non de’Gottogni, ma dei Cotogni, già esistessero avanti la fine del secolo XIII, allorchè dalla Repubblica Forlivese, siccome nelle Istorie del Rossi leggiamo, edificatasi la terra di Cotignola, questa fu così nominata per esservi mandati da Forlì, come a sua colonia, gli abitanti tolti, per attestato del nostro Bonoli, dal Borgo dei Cotogni. Del qual  borgo, per conseguenza, quale fosse allora il nome, e quale di questo l’origine, l’uno cel dimostra la stessa denominazione di Cotignola, e l’altra ce la conferma la pianta del cotogno che, aggiunta all’arme delle più antiche famiglie di quella terra, intendo da fede degna, quasi per contrassegno dell’antichità loro, tuttavia conservarsi.”

Sostanzialmente, attraverso un ragionamento di tipo deduttivo e in modo piuttosto minuzioso, aggiungendo altri particolari a quelli dell’ epistola, Morgagni ribadisce la sua convinzione che Cotogni sia un toponimo legato alle coltivazioni di mele cotogne.